fbpx

Ettore Veneziani

Ettore Veneziani

Son nasù in via Jenner e son staa lì un quai ann, e dopu sont’andà, per vint’ann, in via Valtellina 50.
Hoo fà i elementar in piazza Maciachini, i medi hi hoo fa a toc e bucuni a Milan, a Magenta e Castano Primo, gh’era la guera.
Hoo fa el battesim e la cumeniun in S.Maria alla Fontana, che in fin di cunt a l’è la mia zona.
La cresima me l’ha fada el cardinal Schuster. Quel lì sì che l’era un pret, la firmà la pas cun el Musolini e i tugnitt, che dopu in scapà, l’han fà Beato e adess el dorma in Domm.
Poeu, tant che studiavi la sera,, del dì fasevi el magutt, ma minga dumà per dill, tiravi el sidell in sul grupùn. Dopu son andà avanti inscì, in mezz ai quadrei e la calcina, fina al 95, che sont andà in pensiun.
Intanta hoo fà el suldà, me sont spusà con l’Adriana e gh’in rivà du bagai e cul temp, una neuda, che la me vegn semper a trùvà quand ghe fu el risott.

Adess sunt chi, che guardi indree , e pensi , che bei mument che èren!
Minga vera, èren temp dur, gh’avevum nagott, però serum giuin e bei!

Traduzione

Sono nato in via Jenner (nel ’31), sono stato lì qualche anno, poi mi sono trasferito per altri 20 anni in Via Valtellina 50.
Ho fatto le elementari in P.zza Maciachini e le medie un pò a Milano, un pò a Magenta e a Castano Primo perchè c’era la guerra.
Battesimo e Comunione l’ho fatta a S.Maria alla Fontana, dalla  quale prendeva il nome la mia zona (chiamata “la fontana”) . La cresima l’ho fatta con Schuster, che è stato un grande Cardinale, ha trattato la resa con Mussolini e i tedeschi, in ritirata. E’ stato fatto Beato ed è sepolto in Duomo.
Poi ho studiato di sera, portando anche il secchio pieno di malta in spalla, e ho continuato per tutta la vita, nell’ambito dell’edilizia, fino alla pensione nel ’95.
Ho fatto il militare, mi son sposato con una bella ragazza “la mia Adriana”, ho avuto due figli e più avanti una nipote, che mi viene a trovare  quando gli preparo un bel pranzetto.
Volgendomi indietro, della mia vita, penso: che bei tempi! Non è vero, erano tempi duri, non c’era tutto ciò che i giovani di adesso possono avere. Ma eravamo giovani, scattanti e, senza falsa modestia, non spiacevamo alle ragazze!

Dighel ai to amis