fbpx

Giuseppe Reiss

Giuseppe Reiss e sua moglie Mariuccia

insieme alla moglie Mariuccia.

Fin a vintises’ann son stà in curs Ticines  al 50. L’era una cà de ringhera e se cunusevum quasi tùch. La scola  elementar, della zona, l’era in via Arena angul via D’Annunzio. G’here  doo entrad, ùna maschile e ùna femminile, per tegnig, rigurusament, distant, però el rifugio per i bumbardament  l’era ùn sul e, almen una volta al dì, se truavum lì tuch insema e i maester me faseven cantà l’Inno di Mameli per minga sentì el rumur di bumb. Quand, finalment, la guera l’è finida hoo fa i medi e intan frequentavi l’uratori de San Lorenzo cun la relativa piazzetta. Lì hoo pasà i pussè bei ann della mia vita de bagai. Ma el temp el cureva e sum andaa a scola de sera, a fà i superiur, perché del dì duevi  laurà, seri restà l’unic omm de caa, a 18 ann m’era capità adoss una bela responsabilità. Sul post de laurà hoo cugnussù una tusa belissima e mi me la sum minga fada scapà e l’è diventada la mia miè. Gh’èmm avuu una bela tusa che l’ha ma daa dò neud, bei anca loor. Adess sum in pensiun e per tegnì su de gir el cervell scrivi , cunt un pù de nustalgia, quel che me ricordi dii temp andaà.

Traduzione

Fino a ventisei anni ho abitato in corso Ticinese al 50. Era una casa di ringhiera e ci conoscevamo quasi tutti. La scuola elementare, della zona, era in via Arena angolo via D’Annunzio. C’erano due entrate, una maschile e una femminile, per tenerci rigorosamente separati, però il rifugio per i bombardamenti era uno solo e, almeno una volta al giorno, ci trovavamo lì tutti assieme e le maestre ci facevano cantare l’inno di Mameli per non sentire il rumore delle bombe. Quando, finalmente, la guerra è finita ho fatto le medie e intanto frequentavo l’oratorio di San Lorenzo con la relativa piazza. Lì ho passato i più begli anni della mia vita da ragazzo. Ma il tempo correva e sono andato a scuola di sera, a fare le superiori, perché di giorno dovevo andare a lavorare, ero rimasto l’unico uomo in casa, a 18 anni mi era capitata addosso una bella responsabilità. Nell’ambiente di lavoro ho conosciuto una signorina bellissima ed io non me la sono fatta scappare, ed è diventata mia moglie. Abbiamo avuto una bella figlia che ci ha dato due nipoti, belle anche loro. Adesso sono in pensione e per tenere il cervello in allenamento scrivo, con un pò di nostalgia, quello che mi ricordo dei tempi passati.

Dighel ai to amis