fbpx

Il veglione di capodanno

veglione di capodanno

Quando si avvicinavano le feste di Natale, negli anni cinquanta, per noi ragazzi quello che contava era organizzare il veglione di capodanno.

Anche allora a Milano c’erano locali bellissimi che offrivano cene, balli, ricchi premi e cotillon, ma il costo dell’ingresso, per chi come me era figlio di operai, era una cifra proibitiva e così ci si orientava verso il raduno in casa di qualcuno.

Primo problema era trovare il  locale dove organizzare la festa; quasi tutti abitavamo in case piccole senza possibilità di ospitare più di dieci persone, se stavano sedute, se poi si mettevano a ballare dopo pochi minuti l’inquilina del piano di sotto si presentava in camicia da notte alla porta a reclamare il silenzio, inoltre, per essere ancora più liberi, preferivamo evitare la presenza dei genitori.

Per fortuna il nostro amico Alberto aveva un laboratorio di legatoria che, spostando qualche tavolo e qualche scatolone, si prestava benissimo alla bisogna; inoltre non c’erano le lamentele della vicina perché era un seminterrato.

Trovato il locale partivano gli incarichi per chi doveva procurare le bevande, i panini, le paste mignon, il panettone e la bottiglia di spumante per mezzanotte. La cosa più impegnativa era trovare le ragazze che potevano restare fuori fino all’una di notte.

Dopo lunghe telefonate, interminabili passaparola e accorati discorsi di convincimento ai genitori, finalmente riuscivamo a radunare il gruppo dei partecipanti.

Gruppo del veglione di capodanno
Io sono quello in centro con la camicia bianca

Cosi, al trentuno di dicembre, entravamo nel seminterrato con giacca e cravatta come fossimo diretti alla Capannina di Forte dei Marmi e con la musica dei dischi portati da casa, abbracciati più o meno stretti alle ragazze, scambiando nella penombra qualche ingenuo bacetto entravamo nel nuovo anno pieni di gioia e di voglia di vivere.

Dighel ai to amis