fbpx

La sanità de quand s’eri un bagaj: l’impiaster

cataplasma ai semi di lino, detto impiastro, l'impiaster

Al tempo di Lascia o Raddoppia, per decongestionarci i bronchi e curarci la tosse, applicavano sui nostri toraci un cataplasma ai semi di lino, detto impiastro, l’impiaster.

Si otteneva riducendo dei semi di lino in farina, che poi veniva emulsionata in acqua bollente. Si spalmava la pappina così ottenuta, su di un panno anche lui molto caldo che poi veniva applicato sul torace.  

Anche questo medicamento casalingo presentava purtroppo degli effetti collaterali indesiderati. Quella pezza bollente, l’impiaster, curava sì la costipazione però ci causava delle serie ustioni di terzo grado.    

Se siamo sopravvissuti a tanto accanimento terapeutico, è davvero un miracolo.

Dighel ai to amis